Profumo di Te…, profumo di Terra, che accoglie di stagione in stagione,

come un grembo  materno la  vita che si rinnova e che dà  frutti straordinari che ne serbano la memoria.

 
 
 
 

buttigliera alta, 17 ottobre 2019    

profumo di te…

è un evento che nasce per promuovere e sostenere l’attività dell’associazione a favore del recupero del patrimonio ampelografico dei territori circostanti l’antica abbazia di san michele,  che giace sulle morene residuali dell’antico ghiacciaio della valsusa in particolare nei comuni di almese, avigliana, buttigliera alta, caprie, condove, giaveno, reano, rivoli, rubiana, sant'ambrogio, trana, villarbasse e villardora, con una superficie vitata di quasi 8 ettari.l’associazione si propone di unire un territorio, palcoscenico naturale di secoli di storia del nostro piemonte, condividendolo con tutti, esaltandone le caratteristiche eno-gastronomiche e contribuendo allo sviluppo delle produzioni locali. saranno lo chef emanuele russo delle lumie di marsala  e marco giaccone di pane madre a creare fragranti  memorie gastronomiche da abbinare ai vini che i produttori dell’associazione porteranno in degustazione avvolti dalla quiete della splendida cornice di villa san tommaso a buttigliera alta ora istituto sacro cuore.

l'apertura  alle 16,30 del simposio storico eno-gastronomico  vedrà  la presentazione a cura de “il filo della memoria.com“ e della prof. maria teresa reineri, di una serie di antichi documenti  che custodiscono e testimoniano la presenza della coltura della vite anche nelle terre moreniche di mezzo appartenute ai carron di san tommaso, segretari di stato di casa savoia.

l’ ampelografa di fama internazionale anna schneider, ricercatrice del cnr - responsabile del isps e il produttore giuliano bosio  ci condurranno  nei meandri delle storia della riscoperta del raro vitigno baratuciat che proprio in queste terre moreniche ha visto la luce.

 

Prime vigne a casa Carron

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Degustare la Storia nelle terre moreniche di mezzo, crocevia d'Europa

Associazione Tutela  Baratuciat e vitigni minori

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

In breve tempo la famiglia Carron di San Tommaso acquistò diversi feudi in tutto il Piemonte,

soprattutto in quelle terre che secoli dopo assurgeranno a Patria  dell'enologia piemontese.

 

Un prezioso  inventario   rinvenuto  presso l’Archivio Storico Conti Carron del Comune di Buttigliera Alta

datato 2 giugno 1845  testimonia la presenza di  oltre 5000 viti "ben impallate" 

nelle sole vigne  che circondano Villa San Tommaso, ora Istituto Sacro Cuore.

 

 

© Copyright IL FILO DELLA MEMORIA